LPG LPG

Automobili

Prins è stata la prima compagnia nel mercato a introdurre l'iniezione gassosa per autoveicoli comuni ad uso trasporto passeggeri. Negli anni questo design si è ulteriormente sviluppato in un sistema pienamente integrato "master-slave" con la centralina ad iniezione dell'automezzo, rendendo possibile il cambio di propellente da benzina a gas quasi impercettibile.
Il nuovo impianto Prins VSI (Vapour Sequential Injection) è stato sviluppato così approfonditamente che con pochissime sostituzioni di componenti, è compatibile sia con applicazioni GPL che a metano.

Sistema completamente modulare:

  • Una centralina può gestire motori fino a 10 cilindri, se sono presenti più cilindri si combinano più centraline (2 ECU da 6 per 12 cilindri, 1 ECU da 10 + 1 ECU da 8 per 18 cilindri, ecc..);
  • Iniettori che supportano fino a 80 cv per cilindro, se viene superata questa soglia se ne possono mettere 2 ed arrivare così a 160 cv per cilindro;
  • Riduttore di pressione fino a 500 cv aspirati o 350 cv sovralimentati, se il motore è più potente si può aggiungere un altro riduttore e quindi raggiungere 1000 cv aspirati o 700 cv sovralimentati;
  • Non ci sono limiti all'espandibilità, grazie soprattutto al fatto che non si ha bisogno della mappatura della centralina.

Con la disponibilità di GPL e metano per l'autotrazione sempre più diffusa negli stati europei e con un costo che è circa la metà dei carburanti standard, la conversione a questi tipi di carburanti gassosi si traduce in un cospicuo risparmio sia per l'utenza business che anche per quella privata. I costi di conversione dell'automezzo possono essere ammortizzati, nella maggiorparte dei casi, in soli 18 mesi, senza calcolare eventuali incentivi, bonus o aiuti governativi.

Daronet Europe